Ieri abbiamo letto con attenzione il comunicato della Regione e dell’Assessore Colla in merito all’incontro avuto con l’imprenditore interessato all’acquisizione del sito Saga Coffee di Gaggio Montano.

Sono momenti di grande delicatezza e grande rispetto va portato a quelle lavoratrici e lavoratori che da un mese e un giorno presidiano, al freddo e sotto la pioggia, la propria fabbrica.

E’ surreale apprendere oggi dai giornali (Repubblica di Bologna) il nome dell’imprenditore, ancora non comunicato al sindacato e ai lavoratori e il cui nome non era contenuto nel comunicato stampa della Regione.

Ribadiamo la necessità di calendarizzare al più presto un incontro dell’imprenditore con chi rappresenta i lavoratori e ci aspettiamo che lunedì tale data sia fissata.

E’ chiaro però che questi momenti richiedono una statura e una professionalità che manca a chi, rappresentante delle istituzioni, ha fornito informazioni prima alla stampa che alle lavoratrici e ai lavoratori, assumendosi anche pesanti responsabilità qualora tali dichiarazioni determinassero problemi o rallentamenti in un’operazione complessa e delicata.

E’ un fatto grave. Ne terremo conto.

FIOM CGIL Bologna – FIOM CGIL Emilia Romagna

IN AUTOMOBILI LAMBORGHINI LA FIOM CGIL RAGGIUNGE UN ACCORDO PER ULTERIORI 21 STABILIZZAZIONI

La RSU FIOM e la FIOM-CGIL di Bologna hanno raggiunto un accordo per ulteriori 21 stabilizzazioni di lavoratori a tempo indeterminato in Automobili Lamborghini.

L’accordo è frutto di una importante attenzione della RSU e della FIOM nella costruzione di condizioni contrattuali che permettono di stabilizzare a tempo indeterminato lavoratrici e lavoratori somministrati.

Nel corso del 2021 in Automobili Lamborghini le stabilizzazioni contrattate sono una sessantina che vanno oltre al normale turn over.

L’accordo nasce da una richiesta da parte di Lamborghini di aggiungere due sabati di flessibilità positiva per recuperi produttivi.

Si poteva decidere di non intervenire sulla stabilizzazione dei lavoratori somministrati e contrattare condizioni salariali aggiuntive a ciò che è previsto nel contratto aziendale, ma sia la RSU che la FIOM e successivamente le lavoratrici ed i lavoratori di Lamborghini hanno deciso che il valore della stabilità occupazionale nei confronti delle giovani generazioni è la scelta giusta e più coerente con le politiche occupazionali della FIOM-CGIL.

Bologna, 4 dicembre 2021

FIOM CGIL BOLOGNA

Da alcuni mesi gli stabilimenti della Mec-Track Caterpillar di Bazzano e Castelveltro stanno vivendo un positivo e importante incremento di ordini. Dopo il primo quadrimestre del 2020 influenzato anche e soprattutto dall’emergenza sanitaria le attività sono riprese e gradualmente cresciute.

Grazie all’impegno degli RLS ed RSU FIOM CGIL si è condiviso con l’Azienda un protocollo di sicurezza anti-Covid che ha permesso di mettere in sicurezza le Lavoratrici ed i Lavoratori e di riprendere le attività produttive.

Negli ultimi mesi gli ordini sono ulteriormente aumentati e a partire dalla fine del 2020 c’è stata una richiesta aziendale di ricorrere a lavoro straordinario.

Le Fiom di Bologna e Modena assieme alle RSU dopo un approfondimento sulle esigenze aziendali hanno illustrato all’Azienda la necessità di incrementare l’occupazione per una maggiore e migliore saturazione degli impianti.

Si è quindi giunti ad una ipotesi di accordo che prevede il ricorso al lavoro in straordinario (volontario) migliorandone le condizioni economiche.

Inoltre viene migliorato il sistema di confronto sul mercato del lavoro con l’impegno delle parti a garantire il rafforzamento e mantenimento occupazionale, introducendo un meccanismo volto a garantire il turn-over tra pensionamenti e nuove assunzioni.

E’ previsto quindi l’inserimento di nuovi somministrati e la stabilizzazione graduale, entro gennaio 2022 di 9 lavoratori che saranno assunti a tempo indeterminato.

L’ipotesi è stata illustrata e approvata dai lavoratori in assemblea.

Ancora una volta la Fiom assieme ai suoi delegati ha dimostrato che attraverso la contrattazione si può contrastare la precarietà e migliorare le condizioni delle lavoratrici ed i lavoratori, ancora una volta un esempio di come svolgendo seriamente il proprio ruolo di Sindacato abbia portato avanti una idea alternativa di come affrontare le esigenze aziendali.

Bologna, 3 dicembre 2021

FIOM CGIL BOLOGNA – RSU MEC TRACK CATERPILLAR BAZZANO

In data 30-31 novembre e 01 dicembre 2021 si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle RSU in Atti SpA, storica onderia di Bentivoglio che occupa 120 dipendenti, dove da anni la Fiom è presente e impegnata nella difesa dei lavoratori.

Le elezioni hanno visto un’alta partecipazione al voto che ha raggiunto il 70% degli aventi diritto.

In questo importante momento di democrazia la Fiom si è confermato primo sindacato con il 67% di preferenze eleggendo 4 delegati su 6. Si tratta di un risultato importante che riconosce alla Fiom il lungo e impegnativo lavoro svolto in questi anni.

Auguriamo buon lavoro ai nuovi delegati e ringraziamo i lavoratori tutti per la fiducia riposta nella Fiom.

Bologna, 02 dicembre 2021

Fiom-Cgil Bologna

Si sono svolte nei giorni scorsi le assemblee in tutti gli stabilimenti di G.D tra Bologna (29 novembre) e Anzola (30 novembre) e per i lavoratori remotizzati (1 dicembre).

Le assemblee sono state l’occasione per fare il punto con le lavoratrici ed i lavoratori sull’esito dell’incontro con l’Azienda che si è svolto il 24 novembre.

In tale occasione abbiamo dovuto prendere atto, nuovamente, di un atteggiamento dell’Amministratore Delegato di Coesia estremamente ermetico rispetto alla condivisione d’informazioni e abbiamo colto una certa insofferenza per il ruolo dei rappresentanti dei lavoratori.

Si trattava di dare risposte alle richieste di un chiarimento, voluto dai delegati della RSU aziendale anche su sollecitazione di lavoratori e lavoratrici, sull’attuale ruolo della società di consulenza McKinsey dentro G.D e Coesia.

Questi comportamenti non si addicono alla storia e alla qualità delle relazioni sindacali di G.D e di Bologna.

Ci piacerebbe capire se la nostra lettura riguardi delle posizioni personali dell’Amministratore Delegato o, cosa a cui vorremmo venisse dato chiarezza, di una scelta di cambiamento di modello relazionale.

Sono richieste che, siamo convinti, siano non solo legittime ma doverose: nei prossimi mesi ci attendono sfide negoziali e sfide industriali estremamente importanti per il futuro di tutti i lavoratori della G.D e del Gruppo Coesia.

Bologna, 2 dicembre 2021

Delegati FIM FIOM UILM della RSU G.D

FIM CISL – FIOM CGIL – UILM UIL

Territorio di Bologna

Insieme per la giustizia. CGIL e UIL proclamano 8 ore di sciopero generale per giovedì 16 dicembre con manifestazioni in varie città. Per Bologna la manifestazione si svolgerà a Milano.

Contatta i delegati Fiom nella tua azienda o chiama la Fiom di Bologna al numero 051/248210 per prenotare il posto in pullman.

Quindi lo sciopero dei metalmeccanici previsto per il 10/12/2021 è CONFLUITO nello sciopero generale del 16/12/2021.

Per assistenza puoi rivolgerti ai Delegati Fiom della tua azienda o direttamente al Patronato Inca Cgil www.incabo.it o al numero 051/244710.

Per maggiori informazioni scarica il volantino sottostante.

COMUNICATO STAMPA

PROSEGUE IL  LAVORO DEL TAVOLO DI SALVAGUARDIA

Oggi 26 Novembre 2021 sono ripresi i lavori del Tavolo di Salvaguardia della Regione Emilia Romagna per l’Ats Microcast a seguito della sentenza di fallimento pubblicata martedì dal Tribunale di Pavia e della nomina del Curatore Fallimentare. 

Nel corso dell’incontro ci è stato formalmente comunicato che il Tribunale non ha autorizzato l’esercizio provvisorio; pertanto, terminate le operazioni di messa in sicurezza degli impianti e dello stabilimento, tutte le lavoratrici e i lavoratori sono sospesi dal rapporto di lavoro. 

60 famiglie a cui occorre dare velocemente una risposta e una Azienda che, per la specializzazione delle produzioni e le competenze e le professionalità che racchiude, deve assolutamente rimanere sul territorio e riprendere l’attività produttiva in tempi celeri per non perdere il suo valore. 

Agire velocemente, ma agire bene per tutelare tutte e tutti. 

Per questo abbiamo chiesto un impegno da parte di tutti gli attori al Tavolo affichè:
A) venga immediatamente attivata la richiesta di apertura della cassa integrazione c.d. “per cessazione” al fine di dare continuità di reddito alle lavoratrici ed evitare che l’azienda si svuoti  delle  competenze delle sue lavoratrici e dei suoi lavoratori, vero valore della Ats Microcast;

B) venga fatto tutto il necessario per individuare soluzioni che nella situazione contingente possano garantire la continuità produttiva; 

C) anche attraverso il supporto delle Istituzioni, individuare tutti gli strumenti che  possano favorire nella procedura pubblica di aggiudicazione fallimentare, il permanere a Sasso Marconi della produzione e l’occupazione di tutti i dipendenti.  

Abbiamo positivamente riscontrato la disponibilità della Regione, della Città Metropolitana e del Comune di Sasso Marconi ad accompagnare il percorso e la comune volontà di proseguire il confronto, anche attraverso specifici tavoli tecnici, per non lasciare alcuna strada intentata. 

Ci è stato infine sottolineato come siano già giunte alcune manifestazioni di interesse, ulteriore conferma che siamo di fronte ad una azienda che, da un punto di vista di capacità produttiva, professionalità, mercato e ordini avrebbe la possibilità di ripartire velocemente. 

Il Tavolo sarà aggiornato nel corso della prossima settimana.

L’Assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori – riunita in presidio di fronte l’Azienda- ha deciso di convocare una Conferenza Stampa per martedì 30 Novembre alle ore 12:00 davanti ai cancelli della Ats in via Primo Maggio . 

Invitiamo tutti gli Organi di Informazione e le Istituzioni Locali a partecipare per ribadire con forza che l’ATS DEVE VIVERE! 

Sasso Marconi, 26 Novembre 2021

La Rsu di Ats Microcast 

Il confronto salariale sviluppato dalla Fiom Emilia Romagna tra Automobili Lamborghi e Ferrari Auto è uno degli elementi che caratterizza le profonde differenze di trattamento nei confronti dei lavoratori di due modelli sindacali e contrattuali agli antipodi.

Il modello partecipativo fortemente voluto e costruito dalla Fiom Cgil in Lamborghini e il modello unilaterale fortemente voluta da FCA e non sottoscritto dalla Fiom Cgil in Ferrari.


Questo confronto deve fare riflettere la politica e le istituzioni rispetto a quale modello sociale e di sviluppo si vuole nella Motor Valley in vista della transizione ecologica.

Domani, giovedì 25 novembre, a partire dalle ore 15.30 il Segretario Generale della CGIL Maurizio Landini sarà al presidio permanente Saga Coffee davanti allo stabilimento a Gaggio Montano (loc. Casona, Gaggio Montano, Bologna) per incontrare le lavoratrici ed i lavoratori.

La vertenza Saga Coffee/Gruppo Evoca, grazie alla determinazione delle lavoratrici e dei lavoratori e all’attenzione dimostrata dai mezzi di comunicazione, è diventata un caso nazionale.

Ci vediamo al presidio.

Bologna, 24 novembre 2021

FIOM CGIL BOLOGNA