I Lavoratori 3R (appalto Ducati Motor) cambiambiano contratto: da logistica a metalmeccanici.

In 3R, appalto della logistica Ducati, le Lavoratrici ed i Lavoratori approvano l’accordo del cambio contrattuale.

Da logistica a metalmeccanici

Si sono svolte nella giornata di Martedì 2 Febbraio le assemblee delle lavoratrici e dei lavoratori di 3R Service srl, azienda che si occupa della logistica in Ducati Motor Holding nei siti di Sala Bolognese e di Borgo Panigale e che complessivamente occupa un’ottantina di lavoratrici e lavoratori.

Le assemblee hanno trattato e messo in approvazione l’accordo relativo al cambio contrattuale, da CCNL Logistica e Trasporti al CCNL Metalmeccanici Federmeccanica, che sarà in vigore dal 1 Gennaio 2021.

Il tema di applicazione contrattuale nel sistema degli appalti è molto importante e argomento contenuto nella contrattazione di secondo livello portata avanti dalla FIOM-CGIL nella principali aziende metalmeccaniche del territorio di Bologna con l’obiettivo di ricomporre le varie realtà di servizio nel sistema produttivo metalmeccanico sotto un unico CCNL (più tutelante sia in termini salariali che normativi), prevedendo di fatto il diritto alla contrattazione di secondo livello.

Nel merito l’accordo prevede che ai lavoratori in forza al 31 Dicembre 2020 verrà mantenuto il salario percepito nell’applicazione CCNL logistica riconoscendo, laddove si renda necessario, la creazione di una voce retributiva aggiuntiva non assorbibile (né dai futuri aumenti del CCNL metalmeccanici né dall’elemento perequativo – garanzia economica della mancata contrattazione aziendale previsto nel CCNL metalmeccanici -).

E’ previsto il mantenimento e la rivalutazione dell’anzianità maturata fino al 31 Dicembre 2020 e un corretto inquadramento delle lavoratrici e dei lavoratori rispetto al CCNL metalmeccanici concordando il superamento della prima categoria, sia per i nuovi assunti che per chi era già in forza al momento del passaggio.

Nei prossimi giorni verrà sottoscritto anche con Ducati un verbale dove si garantisce la clausola di salvaguardia alle lavoratrici ed ai lavoratori nel caso di cambio di appalto.

Infine, nell’ipotesi di accordo approvata con il voto unanime del 100% delle lavoratrici e dei lavoratori durante le assemblee, c’é l’impegno di iniziare una attività contrattuale di secondo livello che contenga elementi salariali e normativi soprattutto in relazione alle condizioni di lavoro dei due magazzini sia quello di Borgo Panigale che quello di Sala Bolognese.

Nei prossimi giorni si avvieranno le procedure per le elezione della RSU in applicazione del Testo Unico sulla Rappresentanza, e successivamente la costruzione di una piattaforma rivendicativa per il contratto aziendale che verrà costruita con le lavoratrici ed i lavoratori che avvierà una fase contrattuale necessaria per a migliorare una condizione complicata come quella del mondo degli appalti e che sia unificante per chi vi lavora.

Questo importante risultato è sicuramente frutto anche dell’impegno e dell’autorevolezza dei delegati FIOM in Ducati ed arriva nei giorni della trattativa no-stop per il rinnovo del CCNL dell’industria metalmeccanica.

Bologna, 3 febbraio 2020

FIOM CGIL BOLOGNA