Sciopero Almaviva: i lavoratori non sono un bancomat!

Il nostro contributo al rilancio dell’azienda.  Negli anni passati, a fronte di un costante calo del fatturato e a bilanci aziendali in rosso, abbiamo contribuito al superamento della crisi e al rilancio dell’azienda con il nostro impegno, con il nostro senso di responsabilità e sopportando il sacrificio della Cassa Integrazione, dei Contratti di Solidarietà e della sospensione temporanea di parti […]

Continua a leggere

PENSIONI: il 2 dicembre mobilitazione nazionale a Roma

IL GOVERNO VUOLE – imporre una pessima manovra per il lavoro e i suoi diritti. – una previdenza che continua sulla strada della riforma Fornero, concede solo qualche deroga ma insiste sull’aumento automatico dell’età pensionabile e non apre sulle pensioni di garanzia peri giovani e i discontinui, non dà risposte ai lavoratori precoci. – confermare che per le aziende è […]

Continua a leggere

MOTORI MINARELLI – Sciopero a Bologna e incontro al Ministero: un piano industriale che non convince nessuno.

Si è appena concluso l’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico richiesto da Fiom, Fim e dall’RSU Motori Minarelli. All’incontro sia le Organizzazioni Sindacali che le Istituzioni locali presenti (Regione Emilia Romagna e Comune di Calderara) hanno ribadito che il piano presentato dalla Motori Minarelli (gruppo Yamaha) non è finalizzato ad un progetto di rilancio ma sancisce il ridimensionamento dell’Azienda di […]

Continua a leggere

NO AI LICENZIAMENTI ALLA PMP!

Prosegue la mobilitazione alla PMP di Lippo di Calderara! Lo scorso mese di luglio l’azienda PMP di Lippo di Calderara aveva annunciato, durante un incontro sindacale, il possibile licenziamento di 4 lavoratori a fronte di un calo degli ordinativi. Le RSU e la FIOM da subito hanno considerato tale misura, vista l’entità del calo, priva di qualsiasi giustificazione. Le RSU […]

Continua a leggere

Natale di lotta per i Lavoratori dell’Edita di Bologna.

In queste settimane le Lavoratrici e i Lavoratori di Edita, (un’azienda di Bologna che occupa 38 persone in grande prevalenza donne, e che produce sistemi di back office e di archiviazione ottica nel settore bancario) stanno scioperando per rivendicare la regolarità delle retribuzioni e maggiori garanzie occupazionali. Dal mese di ottobre Edita non solo non paga con regolarità gli stipendi, […]

Continua a leggere
1 2 3 7