Tag Archivio per: sindacato

ISCRIVERSI ON LINE: COME FARE?

Se sei una Lavoratrice o un Lavoratore metalmeccanica/o (operaia/o, tecnica/o, o impiegata/o di un’azienda della provincia di Bologna) da oggi puoi facilmente iscriverti alla Fiom-Cgil compilando i moduli allegati col tuo dispositivo elettronico tramite i seguenti Moduli/Delega modificabili.

AVVERTENZE!

I moduli/delega vanno compilati in ogni parte, sia la parte destinata all’azienda che quella destinata al Sindacato.

E’ necessario compilare anche la parte relativa alla Privacy dichiarando di accettare le norme relative.

E’ necessario inviare i moduli/delega compilati correttamente al seguente indirizzo mail info.fiom@er.cgil.t

Per dubbi o informazioni contatta gli uffici della Fiom-Cgil di Bologna allo 051/248210.

MODULO/DELEGA DA COMPILARE

Se lavori in un’azienda metalmeccanica che applica il contratto dell’ INDUSTRIA

Se lavori in un’azienda metalmeccanica che applica il contratto dell’ ARTIGIANATO

Si sono concluse le operazioni di scrutinio del referendum che ha visto l’approvazione da parte della stragrande maggioranza dei lavoratori e delle lavoratrici della Motori Minarelli dell’ipotesi di accordo sul rinnovo dell’integrativo aziendale.

Questo Accordo è stato possibile grazie alla determinazione del Rsu e alla mobilitazione di tutti i lavoratori e lavoratrici che hanno respinto le richieste avanzate dall’azienda in merito al taglio dei permessi per visita medica e respingendo anche il tentativo dell’azienda di dividere i lavoratori erogando il premio di risultato in modo differenziato sulla base delle assenze per malattia.

Il Contratto aziendale contiene un miglioramento delle relazioni industriali in direzione della “partecipazione negoziata” tramite il sistema informativo aziendale (che prevede incontri periodici per la RSU e le Organizzazioni Sindacali su tutti gli aspetti della vita lavorativa) e la Commissione Tecnica Bilaterale sull`Organizzazione del lavoro; viene inoltre introdotto un capitolo su “Appalti e Decentramento” con un diritto di informazione preventiva per la RSU e una mappatura (completa di tutte le informazioni utili) delle attività esternalizzate.

Sui diritti individuali viene prevista la garanzia, per i lavoratori e le lavoratrici, di non subire penalizzazioni sul pagamento delle malattie brevi in caso di “malattia degenerativa”, vengono previsti permessi non retribuiti (aggiuntivi a quelli di legge) per malattia dei figli e per accompagnamento dei genitori a visite mediche; si riconferma il sistema di “borse di studio” previste dall’ultimo contratto aziendale e viene, infine, introdotto un accompagnamento soft alla pensione attraverso il diritto di accedere al part-time per i lavoratori e le lavoratrici entro quattro anni alla pensione.

Viene inoltre consolidata la prassi per cui l`Azienda, prima di utilizzare strumenti di gestione degli orari di lavoro (come la flessibilità e lo straordinario), deve raggiungere un accordo con la Rsu, confermando le condizioni economiche di miglior favore in materia di indennità e trattamenti aggiuntivi sulla flessibilità.

Infine, per quanto riguarda la parte economica, il Premio di Risultato prevede a regime nei tre anni di vigenza dell`Accordo un aumento, pari al 25%, del valore del PDR che arriva nel 2021 a 1250 euro lordi annui. Viene anche previsto che i lavoratori stagionali (presenti in azienda con contratto di somministrazione a tempo determinato) ricevano una quota garantita del premio.

La FIOM CGIL e la FIM CISL di Bologna e la RSU Motori Minarelli esprimono grande soddisfazioni per il voto ottenuto e ringraziano le lavoratrici e lavoratori per la fiducia.

Questo accordo non era scontato, anche vista la recente ristrutturazione che ha coinvolto l’Azienda solo due anni fa e segna una tappa importante nel percorso di rilancio dell’Azienda.

Bologna, 28 maggio 2019

FIOM CGIL Bologna – FIM CISL Amb                                                       RSU MOTORI MINARELLI

Nei giorni scorsi sono stati siglati dopo l’approvazione a larghissima maggioranza da parte delle lavoratrici e dei lavoratori gli accordi integrativi aziendali alla Amotek di Zola Predosa e alla TTE RAPIDPRESS di Bazzano.

L’accordo AMOTEK, 40 dipendenti, operante nel settore del packaging, rinnova il precedente accordo risalente al 2005 dopo il superamento di una fase di difficoltà antecedente all’ingresso nel gruppo tedesco Optima di cui l’azienda oggi fa parte.

Tra i principali contenuti dell’accordo il diritto di proposta da parte della RSU sugli inquadramenti aziendali, l’estensione delle fasce di flessibilità in ingresso per il personale impiegatizio, il miglioramento dei diritti individuali in caso di assistenza a figli e familiari e condizioni migliorative del CCNL in termini di fruizione dei ROL e della maggiorazioni per lavoro supplementare.

Per la parte salariale, viene incrementato a 500€ annui il Premio Feriale e si definisce per il triennio 2018/2020 un Premio di Risultato non riparametrato che aumenta dall’attuale 0,45% allo 0,65% la quota del miglioramento del volume di vendite che viene redistribuito tra tutti i lavoratori che operano in azienda, partendo da una base di 1557 € annui erogati nel 2017. Parte del Premio di Risultato potrà essere destinata volontariamente a prestazioni di Welfare aziendale. L’intesa inoltre migliora sensibilmente le condizioni economiche per i lavoratori trasfertisti e contiene una clausola di ultrattività in caso di mancato rinnovo futuro della stessa.

 

L’accordo TTE RAPIDPRESS, 35 dipendenti, azienda operante nei trattamenti termici, rinnova e migliora la precedente intesa scaduta nel 2015 definendo miglioramenti e investimenti in  materia di Ambiente e sicurezza dei luoghi di lavoro, tema particolarmente rilevante per queste tipologie di lavorazioni, migliora il CCNL relativamente alle maggiorazioni per lavoro supplementare ed introduce un Premio di Risultato per il triennio 2018/2020 per un valore massimo raggiungibile di 1500€ annui al 4° livello, legato al miglioramento di indicatori di Produttività, Qualità e Redditività.

Il giorno 10 aprile 2018, a Bologna, presso l’aula magna della Regione Emilia Romagna, si è svolto il convegno “Le sfide del Sindacato nell’era dei polulismi”, organizzato da Fiom Emilia Romagna, Fiom Bologna, Cgil Emilia Romagna, Ires Emilia Romagna, IG Metall Wolfsburg, Friedrich Ebert Stiftung.

Di seguito i video (al link sottostante) e le foto del convegno.

Le sfide del Sindacato nell’era dei populismi – VIDEO

 

 

01-Bruno-Papignani

 

02-Flavio-Benites

03-Flavio-Benites

04-Roberto-Balzani

05-Ernst-Hillebrand

Björn Allmendinger

06-Ernst-Hillebrand

07-Francesca-Re-David

08-Francesca-Re-David.

10-Patrizio-Bianchi

11-Benjamin-Schreiber

12-Stefano-Bonaccini

13-Stefano-Bonaccini

14-Karl-Musiol

15-Karl-Musiol

16-Giuliano-Giuetti

17-Juan-Blanco

18-Juan-Blanco

19-Maurizio-Landini

20-Maurizio-Landini

Benites-e-Blanco

Fiom e IG Metall

dig

dav

Tavolo

Visita-Carpigiani

Visita-Carpigiani

Visita-Carpigiani

Visita-Carpigiani