DIRITTI INDIVIDUALI E COLLETTIVI, LOTTA A TUTTE LE DISCRIMINAZIONI E AGGIORNAMENTO DEL PREMIO AZIENDALE

Nei giorni scorsi è stato siglato tra la Direzione aziendale di Vetimec Soc Coop (importante azienda cooperativa di Calderara di Reno che occupa circa 90 lavoratori e produce stampi per il settore dell’automotive) le RSU e la FIOM-CGIL di Bologna, un importante accordo aziendale che difende i diritti e incrementa il salario.

L’accordo innanzitutto conferma la parte normativa del contratto integrativo precedente sui seguenti capitoli: Informazione e politica aziendale; Occupazione; Organizzazione del Lavoro; Formazione; Orari di Lavoro; Diritti individuali (anticipazione tfr, sanità integrativa, permessi aggiuntivi); Miglioramenti ambientali e Servizio di Lavanderia.

Viene inoltre introdotto per la prima volta un capitolo sulle Pari Opportunità e contro tutte le discriminazioni basate su razza, colore, religione, sesso, identità di genere, orientamento sessuale, età, disabilità, origine o altri fattori.

L’accordo infine prevede un Premio di Risultato (PdR) che passa da 2000 a 2200 euro annui, con la condivisione di indicatori del PdR che renderanno più agevole il suo raggiungimento.

Questo accordo si colloca in un momento importante nella crescita della Cooperativa che sta installando a Bologna la capacità produttiva per realizzare gli stampi per le auto di Tesla che saranno assemblate in Europa.

L’accordo, approvato dalle Lavoratrici e dai Lavoratori a larghissima maggioranza nelle assemblee, arriva dopo una trattativa serrata ma costruttiva tra le RSU, la FIOM CGIL di Bologna e la Vetimec.

Bologna, 18 maggio 2022

FIOM CGIL Bologna – RSU Vetimec Soc. Coop.

Nella giornata del 10 maggio scorso è stata raggiunta una ipotesi di accordo per la garanzia del salario alle lavoratrici ed ai lavoratori di G.D nell’anno 2022, rafforzando i principi di ultrattività del contratto aziendale dell’11 ottobre 2017, definendo una intesa che dura dal 1 gennaio 2022 al 31 dicembre 2022.

L’ipotesi di accordo, richiesta da FIM FIOM UILM e dai delegati della RSU G.D di FIM FIOM UILM, è stata illustrata ai lavoratori e alla lavoratrici nel corso di 11 assemblee sindacali retribuite che si sono svolte a Bologna e ad Anzola (oltre che in videoconferenza per i dipendenti in smart working) nei giorni 12, 13 e 16 maggio.

Ora l’ipotesi di accordo sarà sottoposta al voto di tutti i lavoratori tramite referendum, sulla base di quanto previsto dall’Accordo G.D 2011 in materia di “percorso contrattuale”.

Pensiamo si tratti di una intesa che, in un momento di grande preoccupazione per gli effetti dell’inflazione e dal caro energia, permette di dare certezze e tranquillità alle persone, prevedendo sin d’ora di affrontare il rinnovo vero e proprio della contrattazione aziendale nell’ultimo trimestre del 2022.

  1. GARANZIA DELL’INTERO PREMIO DI RISULTATO 2022

L’ipotesi di accordo prevede la riconferma degli indicatori del Contratto Aziendale 2017 (con la modifica dell’indicatore sulla redditività aziendale: Ebit/Fatturato) e il pagamento di Quota 1 (1700 euro al 5° livello) con la paga di luglio 2022 e di Quota 2 con la paga di febbraio 2023 (1400 euro al 5° livello).

  • REINTEGRO DEL SUPERMINIMO INDIVIDUALE

L’ipotesi di accordo affronta la questione che FIM FIOM UILM hanno posto da anni alla Direzione G.D, dal momento che l’Azienda si è ostinata a praticare rigidamente gli assorbimenti dei superminimi assorbili in occasione degli aumenti del Contratto Nazionale e a riconoscere gli aumenti personali con l’esplicita clausola dell’assorbibilità.

Quello che abbiamo concordato si applica con la seguente modalità (esempio):

GIUGNO 2022: AUMENTO DEL CCNL A (al 5° livello / oggi C3: 25 euro) CON ASSORBIMENTO DEL SUPERMINIMO INDIVIDUALE ASSORBIBILE

OTTOBRE 2022: REINTEGRO DELLA SOMMA ASSORBITA ALL’INTERNO DEL SUPERMINIMO INDIVIDUALE.

Mantenimento dello stesso meccanismo fino al nuovo contratto aziendale e impegno condiviso con l’Azienda al superamento del meccanismo dell’assorbimento dei superminimi da definire durante la discussione del nuovo contratto aziendale.

Bologna, 16 maggio 2022

FIM CISL – FIOM CGIL – UILM UIL territorio di Bologna

e delegati FIM-FIOM-UILM DELLA RSU G.D

Nella giornata di ieri, 12 maggio 2022, il Tribunale di Bologna ha disposto il provvedimento di Omologa al concordato preventivo per la Sele S.r.l. di Castenaso.Una nuova e positiva tappa nella vicenda di una storica azienda del territorio che vede lavorare insieme la Fiom CGIL con la sua RSU, l’amministratore giudiziario e tutti i lavoratori per superare una situazione di forte difficoltà finanziaria iniziata nel 2020.Ora le maestranze possono contare su un ulteriore elemento di tranquillità per affrontare un percorso ancora lungo ma meno difficoltoso per la salvaguardia ed il rilancio della loro azienda.La FIOM continuerà a vigilare e ad affiancare le Lavoratrici e i Lavoratori nell’auspicio che questa vicenda possa trovare al più presto una conclusione positiva.

Nei giorni scorsi, nell’ambito di una discussione sul quadro assicurativo FlexLink e ad integrazione di quanto concordato nel recente Contratto Aziendale di Flexlink a San Lazzaro (Bo), l’Azienda e la RSU FlexLink Systems S.p.A. della sede di S. Lazzaro, hanno sottoscritto un verbale di accordo in base al quale, in caso di morte del dipendente per cause naturali, l’Azienda si impegna a riconoscere ai familiari e legittimi eredi un rimborso economico corrispondente al doppio della Retribuzione Annua Lorda (RAL) del dipendente, fino ad un massimo complessivo di 300.000 €.

Questo rimborso verrà generato creando una nuova copertura assicurativa individuale di cui l’Azienda si impegna a farsi completamente carico.

Gli aventi diritto, alla corresponsione della suddetta prestazione, saranno gli eredi legittimi o testamentari del lavoratore.

L’accordo sarà valido per tutti i lavoratori dipendenti di FlexLink Systems appartenenti alla sede di San Lazzaro e verrà esteso in forma di Regolamento anche ai dipendenti della sede di Rivoli (Torino).

La validità di tale accordo decorrerà dalla data del 16/5/2022 per tutti i dipendenti già in forza alla data della sua sottoscrizione e dalla data di assunzione, se successiva al 16/5/2022, per tutti i nuovi assunti.

Accordo e Regolamento saranno obbligatori e vincolanti per FlexLink Systems S.p.A., fintanto che il sistema di welfare pubblico non garantirà le medesime garanzie assistenziali in esso previste.

La FIOM CGIL e la RSU Flexlink esprimono soddisfazione e condivisione per il verbale sottoscritto che segue quanto già implementato in G.D, azienda capofila del Gruppo COESIA.

Bologna 13/5/2022

FIOM CGIL BOLOGNA – RSU FLEXLINK SYSTEMS (SEDE DI SAN LAZZARO)

I lavoratori della Meliconi spa, hanno da oggi 12 aprile, una nuova Rsu. Dopo oltre 14 anni i lavoratori son tornati a prendere parola. Nei lunghi anni della crisi e della ristrutturazione della storica azienda di Granarolo, infatti, non c’erano state le condizioni per rinnovare la rappresentanza (eletta l’ultima volta nel 2008), mentre registriamo ora una nuova volontà di partecipazione  protagonismo con un’affluenza al voto che supera il 90% degli aventi diritto.

Altrettanto netto é il risultato ottenuto dalla Fiom Cgil che raccoglie circa l’80% dei consensi eleggendo, due Rsu su tre, con una delegazione tutta al femminile. 

Particolarmente significativa e inedita è, infine, la partecipazione al voto degli impiegati che rappresentano il 50% dei dipendenti, e che per la prima volta in assoluto eleggono una Rsu.

Anche nelle elezioni Rls netta affermazione della Fiom che elegge il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

La nuova Rsu, composta anche da un eletto nelle fila della Fim Cisl, avrà il compito di rilanciare la negoziazione aziendale provando ad accompagnare le trasformazioni produttive e di composizione della forza lavoro con la contrattazione.

Non è possibile, infatti, nessun rilancio dell’azienda che non passi per la qualità del lavoro e dei diritti, e oggi i lavoratori della Meliconi lo hanno detto chiaramente, tornando in massa a votare e scegliendo la Fiom Cgil.

Bologna, 12 aprile 2022