DIRITTI INDIVIDUALI E COLLETTIVI, LOTTA A TUTTE LE DISCRIMINAZIONI E AGGIORNAMENTO DEL PREMIO AZIENDALE

Nei giorni scorsi è stato siglato tra la Direzione aziendale di Vetimec Soc Coop (importante azienda cooperativa di Calderara di Reno che occupa circa 90 lavoratori e produce stampi per il settore dell’automotive) le RSU e la FIOM-CGIL di Bologna, un importante accordo aziendale che difende i diritti e incrementa il salario.

L’accordo innanzitutto conferma la parte normativa del contratto integrativo precedente sui seguenti capitoli: Informazione e politica aziendale; Occupazione; Organizzazione del Lavoro; Formazione; Orari di Lavoro; Diritti individuali (anticipazione tfr, sanità integrativa, permessi aggiuntivi); Miglioramenti ambientali e Servizio di Lavanderia.

Viene inoltre introdotto per la prima volta un capitolo sulle Pari Opportunità e contro tutte le discriminazioni basate su razza, colore, religione, sesso, identità di genere, orientamento sessuale, età, disabilità, origine o altri fattori.

L’accordo infine prevede un Premio di Risultato (PdR) che passa da 2000 a 2200 euro annui, con la condivisione di indicatori del PdR che renderanno più agevole il suo raggiungimento.

Questo accordo si colloca in un momento importante nella crescita della Cooperativa che sta installando a Bologna la capacità produttiva per realizzare gli stampi per le auto di Tesla che saranno assemblate in Europa.

L’accordo, approvato dalle Lavoratrici e dai Lavoratori a larghissima maggioranza nelle assemblee, arriva dopo una trattativa serrata ma costruttiva tra le RSU, la FIOM CGIL di Bologna e la Vetimec.

Bologna, 18 maggio 2022

FIOM CGIL Bologna – RSU Vetimec Soc. Coop.

Nei giorni scorsi, nell’ambito di una discussione sul quadro assicurativo FlexLink e ad integrazione di quanto concordato nel recente Contratto Aziendale di Flexlink a San Lazzaro (Bo), l’Azienda e la RSU FlexLink Systems S.p.A. della sede di S. Lazzaro, hanno sottoscritto un verbale di accordo in base al quale, in caso di morte del dipendente per cause naturali, l’Azienda si impegna a riconoscere ai familiari e legittimi eredi un rimborso economico corrispondente al doppio della Retribuzione Annua Lorda (RAL) del dipendente, fino ad un massimo complessivo di 300.000 €.

Questo rimborso verrà generato creando una nuova copertura assicurativa individuale di cui l’Azienda si impegna a farsi completamente carico.

Gli aventi diritto, alla corresponsione della suddetta prestazione, saranno gli eredi legittimi o testamentari del lavoratore.

L’accordo sarà valido per tutti i lavoratori dipendenti di FlexLink Systems appartenenti alla sede di San Lazzaro e verrà esteso in forma di Regolamento anche ai dipendenti della sede di Rivoli (Torino).

La validità di tale accordo decorrerà dalla data del 16/5/2022 per tutti i dipendenti già in forza alla data della sua sottoscrizione e dalla data di assunzione, se successiva al 16/5/2022, per tutti i nuovi assunti.

Accordo e Regolamento saranno obbligatori e vincolanti per FlexLink Systems S.p.A., fintanto che il sistema di welfare pubblico non garantirà le medesime garanzie assistenziali in esso previste.

La FIOM CGIL e la RSU Flexlink esprimono soddisfazione e condivisione per il verbale sottoscritto che segue quanto già implementato in G.D, azienda capofila del Gruppo COESIA.

Bologna 13/5/2022

FIOM CGIL BOLOGNA – RSU FLEXLINK SYSTEMS (SEDE DI SAN LAZZARO)

Nella giornata di ieri, venerdì 1 aprile 2022, alla Interpump Hydraulics (azienda leader nel settore dell’oleodinamica che occupa circa 240 dipendenti e ha sede a Calderara di Reno) è stato firmato, dalla Direzione Aziendale, dalla FIOM CGIL di Bologna e dalla RSU, il rinnovo del Contratto integrativo Aziendale.

Il nuovo accordo, che si è chiuso dopo una trattativa lunga e complessa, è stato approvato nei giorni scorsi dai lavoratori a larghissima maggioranza con 152 voti favorevoli su 175 votanti (e con un’affluenza al voto del 78%).

L’accordo prevede sostanziali miglioramenti sia in termini di diritti che di salario.

  • Per quanto concerne il salario è importante segnalare l’incremento del Premio di Risultato (PDR) che, riparametrato al 5° livello, sarà di 2mila euro con un acconto che passa da 600 a 800 euro.
  • A ciò si aggiunge il consolidamento di ulteriori 35 euro mensili al termine dei 4 anni di vigenza contrattuale a cui si aggiungerà, dal 31 dicembre 2025, un ulteriore incremento in busta paga calcolato sul 10 % della media dei PDR relativi agli anni di vigenza contrattuale.
  • Viene incrementata l’indennità di turno.
  • Particolarmente significativo, specialmente in un’ottica riduzione del traffico e delle emissioni di CO2, è poi rimborso del 30% delle spese sostenute dalle lavoratrici e dai lavoratori per raggiungere l’azienda con mezzi pubblici.

Per quanto concerne i diritti, si Incrementano i permessi per le visite mediche anche per i parenti dei lavoratori (o conviventi) fino al primo grado.

Inoltre, vengono incrementati i momenti di confronto con l’azienda, così come viene ancor più valorizzata la CTB (Commissione Tecnica Bilaterale formata da Azienda e RSU) a cui spetta il compito di affrontare i diversi temi relativi all’organizzazione del lavoro.

Infine, vengono rafforzate le norme antidiscriminazione allo scopo di rendere il lavoro in azienda ancor più sicuro per tutte e tutti.

La Fiom di Bologna e le RSU Interpump Hydraulics esprimono grande soddisfazione per l’accordo sottoscritto, frutto di un grande lavoro di ascolto e coinvolgimento di tutte le lavoratrici e i lavoratori da parte del sindacato. 

Bologna 2 aprile 2022

RSU FIOM Interpump Hydraulics

FIOM-CGIL Bologna

I lavoratori della Knott spa, hanno approvato all’unanimità l’ipotesi di accoro per il rinnovo del contratto aziendale sottoscritta nei giorni scorsi dalla Rsu e dalla Fiom.

La storica azienda di Pianoro che occupa oltre 90 addetti e oggi fa parte del Gruppo Knott, multinazionale tedesca, leader nella produzione di sistemi frenanti, cavi, e componentistica per carrelli trainati.

Nonostante la fase di estrema incertezza legata al costo dell’energia e delle materie prime, il contratto appena siglato e approvato dai lavoratori in assemblea, segna un netto avanzamento delle condizioni salariali e normative.

Di seguito i punti qualificanti dell’accordo:

Salario e welfare, con un aumento del “superminimo collettivo”, che arriva ad una cifra mensile di 790€ (parametrata al livello C3- ex 5°) e rappresenta una quota di salario fisso e strutturale per tutti i lavoratori; il salario aggiuntivo erogato in azienda rispetto ai minimi tabellari si consolida, quindi, ad una cifra annua di oltre 10.000€ (sempre parametrata al 5° livello); a tali quote deve aggiungersi l’aumento strutturale del welfare, con la previsione di un’erogazione aggiuntiva rispetto al welfare previsto dal CCNL sino al limite della detassazione con cifre ulteriori fra i 250 e 500€ annui. L’accordo prevede infine l’aumento strutturale del buono pasto a 8€ giornalieri.

Ambiente di lavoro, salute e sicurezza: l’Azienda si impegna al miglioramento della qualità dell’ambiente di lavoro, con la completa climatizzazione, sia invernale che estiva, non solo degli uffici, ma di tutti i reparti produttivi; viene fortificato il capito sulla salute e sicurezza attraverso la strutturazione permanente dell’esperienza del “comitato covid”, con il coinvolgimento di tutti gli attori (Direzione, preposti, Rls, Rsu, Rspp e, ove necessario, Medico competente).

Tutela della genitorialità: il contratto prevede il pagamento di 5 giorni di permessi aggiuntivi annui per la malattia dei figli fino a 8 anni di età, nonché di tre giorni retribuiti aggiuntivi in caso di nascita.

L’Accordo rafforza, altresì, i diritti e le agibilità sindacali in capo alle Rsu; prevede percorsi per il riconoscimento delle professionalità e la verifica dell’inquadramento dei lavoratori; istituisce la Banca delle ore quale strumento di flessibilità positiva per i lavoratori; struttura la pianificazione delle ferie collettive e allarga le possibilità di utilizzo delle ferie individuali; definisce una norma “antidiscriminazione” volta a promuovere una cultura fondata sul rispetto e mettere in campo azioni positive per eliminare e prevenire ogni tipo di discriminazione sul posto di lavoro basata su razza, religione, orientamento di genere.

Il contratto sottoscritto in Knott rappresenta una punta avanzata della contrattazione del nostro territorio e dimostra come sia possibile, in un momento complessivo difficile, allargare i diritti e aumentare i salari, anche nella media impresa metalmeccanica.

Bologna, 29 marzo 2022

FIOM CGIL BOLOGNA